Israele : cucina e curiosità

Come molti altri paesi, Israele ha chiuso i suoi confini nel marzo 2020 a causa della pandemia di coronavirus. Sebbene inizialmente fosse pubblicizzato come una delle migliori risposte alla pandemia – ed è stato uno dei primi paesi a lanciare vaccini – negli ultimi due anni ha avuto anche molte false partenze e gravi epidemie. Il turismo internazionale è stato sospeso e per un certo periodo anche agli israeliani è stato impedito di viaggiare nella maggior parte degli altri paesi. Mentre il Paese ha provato prima a riaprire ai turisti nell’estate 2021, e poi di nuovo a novembre e dicembre, Delta e Omicron avevano altri piani. Infine, il 9 gennaio 2022, abbiamo visto Israele riaprire solo ai turisti vaccinati, e poi il 1 marzo aprire i suoi confini a tutti i viaggiatori di tutte le età, indipendentemente dallo stato del vaccino.

TEL AVIV

La città più vibrante di Israele non ha rallentato. La scorsa estate, il famoso hotel The Jaffa ha riaperto dopo una chiusura di un anno; Soho House Tel Aviv e Debrah Brown, l’ultimo hotel del famoso marchio boutique locale Brown Hotels, hanno entrambi debuttato. Anche il ristorante Dvora di Debrah Brown dello chef stellato Eyal Shani è stato aperto all’inizio di quest’anno. Ma la più grande novità alberghiera della città si verifica il 28 marzo, quando The David Kempinski Tel Aviv apre lungo l’iconico lungomare del Mar Mediterraneo. Offre un livello di lusso completamente nuovo, completo di spa con servizi completi, piscina sul tetto e cinque ristoranti, tra cui un cigar bar a marchio Cohiba e il primo whisky bar House of Macallan in Israele.
Come ogni grande città incentrata sulla cucina, Tel Aviv ha visto una miriade di aperture di ristoranti e bar negli ultimi due anni. Alcuni dei più eccitanti includono HIBA, dello chef Yossi Shitrit degli hotspot Onza e Mashya; Tirza wine bar dello chef Raz Rahav dell’acclamato ristorante OCD; Capella, un cocktail bar chic e sfacciato al 14° piano dell’edificio Hagag dove non sono ammessi telefoni cellulari; Il panificio francese Alexander è stato aperto dal campione israeliano di panificazione 2017 Alex Berman; e Darya, che serve la cucina della Via della Seta dallo chef del famoso Animar, all’interno dell’Hilton Tel Aviv. L’altra grande apertura legata al cibo è stata il lancio dell’istituto culinario Asif, guidato da Naama Shefi, che gestisce anche la Jewish Food Society a New York City: la sua missione è celebrare la cucina israeliana ed esplorarne le radici, le influenze e il futuro attraverso una biblioteca piena di ricerche e libri di cucina che include una galleria di mostre a rotazione, una fattoria sul tetto che coltiva piante ed erbe autoctone, una cucina di prova sperimentale, un caffè vegetariano e un mercato che vende prodotti di produzione israeliana.

GERUSALEMME

La seconda città più grande di Israele riceve spesso meno attenzione, e quindi meno cose nuove e brillanti, rispetto alla più appariscente Tel Aviv. Tuttavia, l’antica città ha accolto diversi nuovi ristoranti che includono l’ultimo dello chef Popina Orel Kimchi, chiamato Ruhan, e il Mitzle ispirato allo street food, del concorrente di MasterChef Israel Ari Levy. Appena fuori città, tra le dolci colline della Giudea, la cantina e il ristorante Ulu, aperti di recente, meritano una visita per gli amanti del vino e della natura in cerca di una vacanza in città. Gli intenditori d’arte apprezzeranno il debutto in città della Gordon Gallery, una filiale della famosa galleria di Tel Aviv. Inoltre, sono stati apportati miglioramenti all’accessibilità nella Città Vecchia, che è notoriamente difficile da navigare grazie a vicoli tortuosi e stretti, strade di ciottoli e centinaia di ripidi gradini di pietra. Anni di lavoro, quasi quattro miglia di strade sono state installate ringhiere e rampe.

IL DESERTO DEL NEGEV E  LA REGIONE DEL MAR MORTO

La più grande novità per la regione desertica meridionale di Israele è senza dubbio l’apertura dell’attesissimo (e molto ritardato) Six Senses Shaharut, che ha aperto lo scorso agosto. Il lussuoso rifugio benessere dispone di 60 suite dal design ispirato al deserto, una spa ayurvedica, diversi ristoranti, una piscina a sfioro con vista sulle montagne Edom e una splendida piscina coperta e una stalla di cammelli fiancheggiata da un profumato giardino di erbe aromatiche. Pochi minuti a nord dell’hotel nel Kibbutz Ketura, la dott.ssa Elaine Solowey dell’Istituto Arava per gli studi ambientali ha in programma di aprire un giardino rifugio entro la fine dell’anno che metterà in mostra piante bibliche, alberi di incenso, piante del deserto in via di estinzione, un habitat di uccelli migratori e erbe medicinali importanti per la comunità beduina locale.

LA GALILEA E IL NORD

Questa parte spesso addormentata del paese ha visto un grande sviluppo negli ultimi due anni. Nelle notizie sugli hotel, il Galei Kinneret progettato da Saar Zafrir ha aperto a Tiberiade, completo di spiaggia privata sul Mare di Galilea, un lussuoso centro benessere, una piattaforma per lo yoga all’aperto e una piscina con fondo di vetro che consente ai nuotatori di ammirare le antichità scoperte sotto. Lotte, il suo ristorante, è guidato dallo chef stellato Assaf Granit (di Machneyuda a Gerusalemme e Sabour e Balagan a Parigi).

Per quanto riguarda il cibo, vicino a Nazareth c’è Temerlin, un nuovo ristorante specializzato in bistecche guidato dallo chef della famosa steakhouse M25 di Tel Aviv, con una gastronomia e una macelleria gestita da una famiglia locale che alleva bovini dal 1924. Ad Haifa, il nuovo raffinato franco-libanese il ristorante Najma utilizza ingredienti locali della Galilea.

C’è molto che gli amanti dell’archeologia e della storia troveranno eccitanti anche in questa regione. In primo luogo, nell’antica città di Migdal, una sinagoga che si pensa abbia 2000 anni e che risalga al periodo del Secondo Tempio, è stata recentemente scoperta negli scavi di Migdal in corso. Anche la Israel Nature and Heritage Foundation of America (INHFA) sta lavorando al ripristino di diversi importanti parchi archeologici della regione: Beit She’an, conosciuta come Scitopoli durante l’Impero Romano, ha il più grande teatro romano in Israele e l’INHFA sta attualmente riparando la sua infrastruttura in modo che possa ospitare spettacoli dal vivo; mentre il progetto completo dovrebbe essere completato nel 2023, la prima fase del restauro sarà aperta al pubblico ad aprile. A Tiberias, INHFA ha restaurato un’antica sinagoga all’interno del Parco Nazionale Hamat Tiberias, costruita tra il 286 e il 337 d.C. Il clou è il suo pavimento a mosaico a tre pannelli (il più antico del paese), che raffigura il dio del sole Helios che guida il suo carro attraverso il cielo.

Potrebbero interessarti anche:

Rimani aggiornato

Il tuo indirizzo e-mail viene utilizzato solo per inviarti la nostra newsletter e le informazioni sulle attività di Intertravel Viaggi. Puoi sempre utilizzare il link di cancellazione incluso nella newsletter.

Tour

a partire da: 2390

Gran tour del Canada dell’Ovest

10 Giorni
a partire da: 1891

The Big Apple Discovery

6 Giorni
a partire da: 4100

El Dia de los Muertos

11 Giorni